5 canzoni per descrivere l’allenamento

Vita di un nuotatore
Scritto da: Rebecca Gillis at 6 Maggio '16 0
You are reading: 5 canzoni per descrivere l’allenamento

La musica è una parte fondamentale della vita di molti nuotatori. A volte è la tua canzone preferita che ti carica prima della gara, altre volte è quel motivetto che non ti si toglie dalla testa durante tutta la seduta di allenamenti, oppure la musica diffusa dalle casse a bordo vasca che ti accompagna durante quei noiosissimi esercizi di gambe. Qualunque sia la ragione, la musica è spesso un valido aiuto per gli atleti. E, guarda caso,  molte canzoni riescono a descrivere esattamente come ci sentiamo. In realtà ho scoperto che le canzoni famose che ti ritrovi a canticchiare senza pensarci descrivono perfettamente un’intera sessione di allenamenti.

1. “Work” – Rihanna & Drake. Anche se amiamo questo sport per ragioni diverse e abbiamo tutti diversi obiettivi che ci spingono ad allenarci, entriamo in vasca tutti con lo stesso scopo: metterci al lavoro. Per quanto sia difficile svegliarsi presto la mattina, o sforzarci di andare ad allenarci dopo una lunga e faticosa giornata, la verità è che presentarsi ogni volta nello spogliatoio significa aver scelto che ne vale la pena e aver scelto di lavorare per raggiungere i propri sogni.

2. “Slow down” – Selena Gomez. Arrivati a bordo vasca, però, è tutta un’altra storia. Anche se sei preparato ad affrontare il duro lavoro, può essere difficile mantenere un atteggiamento positivo se quello che stai per affrontare è un compito veramente duro. E’ proprio in questi momenti che il tempo sembra scorrere più veloce: vorresti avere asolo quei due minuti in più per prepararti mentalmente e lamentarti con i compagni di squadra delle grandi ingiustizie che noi atleti dobbiamo subire, invece le lancette avanzano implacabili ed è già ora di tuffarsi.

3. “No air” – Jordan Sparks. L’allenamento inizia, i battiti aumentano e tutti quei brevissimi momenti in cui tocchi il muro sono preziosi per riprendere fiato. In uno sport come il nuoto, in cui gli esercizi sono per la maggior parte cardiovascolari, trovare un po’ di ossigeno è cosa rara, soprattutto se passi quasi tutto il tempo con il viso sott’acqua. Se ci pensate il nuoto è l’unico sport (insieme forse al nuoto sincronizzato) in cui il coach ti sgrida perché respiri troppo spesso, magari a discapito della tua velocità in gara!

4. “The climb” – Miley Cyrus. Se le sessioni intense di allenamento sono quelle che danno più soddisfazione ai noi nuotatori, sono anche quelle più difficili da superare, sia fisicamente che mentalmente. Per prendere in prestito una citazione da Miley Cyrus, “I got to be strong, just keep pushing on” (devo essere forte, continuare a darci dentro), che è poi la sfida quotidiana di un nuotatore. Gli allenamenti sono una vera e propria montagna da scalare, si lotta per salire, ma una volta che sei in cima (o, nel caso di noi nuotatori, una volta che tocchi il muro e riesci di nuovo a respirare), capisci che ne è davvero valsa la pena.

5. “This girl is on fire” – Alicia Keys. Anche quando riesci finalmente a crogiolarti nella gloria di essere uscito dall’acqua dopo un allenamento sfiancante, la sofferenza non è finita. L’accumulo di acido lattico, l’esercizio a secco, il doppio allenamento ci lasciano inevitabilmente doloranti e il dolore di uno sforzo fisico come si deve può accompagnarti anche per diversi giorni. Gli amici di solito si sbellicano dalle risate quando soffri nel salire le scale dopo un pesante allenamento sulla gambata o quando fai una smorfia tutte le volte che sollevi le braccia il giorno dopo una sessione di trazioni. Ma il fuoco che sentiamo nei nostri muscoli che bruciano dal dolore non è altro che una prova tangibile dell’impegno che ci mettiamo e un promemoria delle grandi cose che ci aspettano.

—————

Lasciati ispirare dalla nostra collezione!

Author

Scritto da:

Rebecca Gillis

Hi! I’ve been swimming competitively since I was eight years old, and enjoy documenting the ups and downs of life as an athlete. Most of my days are spent on the pool deck, since I also work as a coach for young children, and as a lifeguard. Other than that, I’m a full time student and, like so many of my fellow swimmers, a food/nap enthusiast.

POTRESTI ESSERE INTERESSATO A