fbpx

I 4 buoni propositi di un nuotatore per l’anno nuovo

Vita di un nuotatore
Scritto da: Rebecca Gillis at 29 Dicembre '17 0
You are reading: I 4 buoni propositi di un nuotatore per l’anno nuovo

L’arrivo del nuovo anno è spesso occasione per riflettere, specialmente per quegli atleti che stanno pensando di fare il salto di qualità. Pensare a ciò che di buono ci porteremo nel 2018 e ciò che invece vogliamo lasciarci alle spalle è molto importante per poterci formare come nuotatori. Per quanto ognuno abbia obiettivi e focus differenti, eccone qualcuno che sarà sicuramente comune a molti di noi.

Il primo, in realtà, è abbastanza generico e potrebbe essere applicato anche ad altri aspetti della vita, non solo alla nostra carriera sportiva: POSITIVITA’.

Cambiare mentalità è un qualcosa di molto impegnativo e potrebbe sembrare un obiettivo estremamente ambizioso, quindi meglio dividerlo in due propositi più piccoli. Ad esempio, ripromettersi di sorridere di più a bordo vasca e durante gli allenamenti può essere di grande aiuto quando siamo nervosi o quando dobbiamo approcciare gli esercizi più lunghi e difficili. Anche dare un taglio a quelle brutte frasi come “non posso” e sostituirle invece con una più motivazionale come “Posso farcela” ci aiuterebbe a maturare più sicurezza in noi stessi come atleti. Inoltre, incoraggiare i propri compagni di corsia, congratularsi con loro, spronarli a continuare a lavorare duramente non potrà che creare un clima positivo, che è fondamentale per sostenere la crescita personale di ciascun atleta. Nel tempo, e attraverso il raggiungimento di piccoli obiettivi come questi, il diventare un nuotatore più ottimista diventerà un proposito estremamente realistico e realizzabile.

Allo stesso modo, superare le nostre difficoltà tecniche come una gambata debole o una capacità polmonare non adeguata sarà più semplice se scomponiamo il problema in parti più piccole.

Migliorare la gambata sembra un obiettivo enorme se guardiamo il quadro generale, ma se invece ci imponiamo di provare a fare 5 battute di gambe a delfino dopo ogni virata, anziché 3, questo lavoro rafforzerà senza ombra di dubbio la gambata e può essere svolto durante qualunque sessione. Nel corso del tempo poi, potremo passare ad applicare questo obiettivo anche quando facciamo gambe con la tavoletta o addirittura in gara. Un altro esempio è come possiamo migliorare la capacità polmonare concentrandoci sui dettagli. Se ci concentriamo sul non respirare durante l’ultima bracciata prima del muro, o durante la prima subito dopo la gambata avremo lanciato una piccola sfida a noi stessi, facile da mettere in pratica durante ogni allenamento, che migliorerà il nostro modo di respirare.

Mettendo in pratica piccoli cambiamenti come questi, possiamo crearci delle abitudini, che poi diventeranno per te la normalità, anche in situazioni stressanti come una gara. Potrebbe sembrare che questi piccoli accorgimenti non facciano grande differenza, ma contribuiscono in realtà a consolidare delle importanti abilità e a limare secondi preziosi in gara.

Un altro importante proposito da tenere in considerazione quando ci tuffiamo nel nuovo anno è migliorare le nostre doti organizzative.

E’ davvero stressante essere un atleta, specialmente se hai altri impegni come la scuola, un lavoro e una vita personale. Assicurarci di sfruttare al massimo il nostro tempo in maniera produttiva creando dei piani settimanali può essere d’aiuto per non farci sfuggire niente e ridurre al minimo lo stress. Si possono usare liste, calendari, notifiche giornaliere sul computer, sveglie sul cellulare o uno dei tantissimi strumenti che oggi abbiamo a disposizione, così che tutte le scadenze siano sotto controllo. Come studente-atleta, so bene quanto sia difficile saltare un allenamento importante quando abbiamo troppo da studiare, soprattutto se è un qualcosa che si poteva pianificare meglio prima. Una giusta pianificazione ci aiuta anche nel lungo periodo e ci consente di rimanere concentrati e di seguire alla perfezione anche il nostro piano di allenamenti.

Infine, un altro buon proposito è ritagliare più tempo per fare attività di squadra. E’ un bel modo per legare di più con le persone con cui ci alleniamo. Per quanto ci vediamo praticamente tutti i giorni (e spesso anche più volte al giorno), divertirsi anche fuori dalla piscina o dalla palestra è un ottimo modo per alleviare la tensione. Conoscersi meglio, al di là della nostra vita da atleti, aiuta a rafforzare i legami. Noi nuotatori siamo una razza rara e fare amicizia con persone che comprendono e condividono le nostre battaglie quotidiane è davvero ciò che ci serve per affrontare un nuovo anno!

Author

Scritto da:

Rebecca Gillis

Hi! I’ve been swimming competitively since I was eight years old, and enjoy documenting the ups and downs of life as an athlete. Most of my days are spent on the pool deck, since I also work as a coach for young children, and as a lifeguard. Other than that, I’m a full time student and, like so many of my fellow swimmers, a food/nap enthusiast.

UNISCITI ALLA NOSTRA COMMUNITY!

Iscriviti per essere sempre aggiornato sulle ultime novità, comunicazioni e offerte.

POTRESTI ESSERE INTERESSATO A

Ti piacerebbe avere un accesso speciale ai contenuti esclusivi arena?

UNISCITI ALLA NOSTRA COMMUNITY!

Iscriviti alla newsletter. Riceverai notizie in anteprima e promozioni esclusive dedicate agli iscritti.

wave