Nuoto: l’età non conta!

Fitness, Salute e Benessere
Scritto da: Marco Borreca at 25 Novembre '16 0
You are reading: Nuoto: l’età non conta!

Per l’attività fisica non c’è età e sicuramente la piscina non ti chiederà di mostrare la tua carta d’identità all’ingresso. Il nuoto potrà (e dovrà) avere un ruolo significativo per combattere i naturali processi fisiologici dell’invecchiamento.

Le regole da seguire

Come in tutte le attività fisiche agonistiche e non, devi seguire regole importanti per ottenere ottimi risultati senza imprevisti:

  • Fai accurati controlli medici, io consiglio sempre un Ecg, magari sotto sforzo.
  • Mantieni una regolarità di frequenza (almeno due o tre volte alla settimana).
  • Alimentati e idratati in modo adeguato.
  • Rispetta il senso del limite, ovvero non esagerare con gli sforzi.

I vantaggi del nuoto dai sessantanni in su

Il nuoto è tra gli sport più amati dagli over 60, circa il 30% delle persone di questa fascia anagrafica lo sceglie come disciplina primaria.

È un ottimo alleato per prevenire il decadimento della forza muscolare e per il mantenimento dell’elasticità dei tendini. Ma non dimentichiamo anche il beneficio che può darti se sei affetto da patologie diabetiche, cardiache, respiratorie e depressive.

Ma andiamo un po’ più nel dettaglio dei vantaggi che questa disciplina può offrirti:

1. Ti garantisce benefici agli apparati cardiovascolare e respiratorio.

2. Migliora la tua circolazione sanguigna favorendo la vasodilatazione dovuta dalla temperatura dell’acqua e dalla posizione supina o prona di galleggiamento.

3. Diminuisce il carico sulle tue articolazioni.

4. Consente di allenarti proteggendo le giunture e la colonna vertebrale; oltretutto il movimento regolare di gambe, braccia e collo ti aiuta a liberarti dalla fastidiosa rigidità presente a secco.

5. L’acqua, grazie alle sue proprietà effettua sulla tua pelle un massaggio continuo che produce un effetto benefico anche per le patologie di vene e arterie, oltre che su tutti i tessuti.

6. Il nuoto allena la mente ed è un alleato importante per farti ritrovare fiducia in te stesso e socializzare.

Metodo didattico per gli over 60

Mia nonna dice sempre che invecchiando si torna bambini. Non so se sia vero, ma so per certo che il modello didattico per avvicinare gli over 60 all’acqua è molto simile a quello proposto ai bimbi.

Elasticità e buon senso sono alla base del tuo allenamento; il tuo insegnante deve però tenere conto di eventuali limitazioni fisiche.

Lo scivolamento e il galleggiamento statico come nei più piccoli è fondamentale nelle tue prime lezioni; gli stili più efficaci per non andare incontro a problemi articolari sono il dorso e lo stile libero, e l’utilizzo della tavoletta in alcuni esercizi, soprattutto eseguendo le gambe a dorso, permette alla tua schiena di ricevere un costante e benefico massaggio dall’acqua.

Non dimenticare di curare l’esecuzione di ogni esercizio, non avere fretta e poniti sempre nuovi obiettivi da raggiungere.

Un buon allenamento, un po’ di relax e al prossimo articolo!

Author

Scritto da:

Marco Borreca

Marco Borreca was born in Milan in 1985. After his competitive swimming career, he continued his sports studies graduating from the faculty of Preventive and Adaptive Motor Sciences in Pavia. He has been working as a swimming/ fitness instructor and rehabilitation expert at various sports centres since he was very young. He mainly focuses on using water for recovering motor skills in the case of sports injuries and disabilities. He currently works for a municipal sports centre as the Head of Fitness and also works for a private practice as a kinesiologist.

POTRESTI ESSERE INTERESSATO A