fbpx

La gara e…i suoi imprevisti!

Vita di un nuotatore
Scritto da: Valeria Molfino at 5 Maggio '17 0
You are reading: La gara e…i suoi imprevisti!

Dai principianti ai più esperti, tutti sperimentano prima o poi qualche indesiderato imprevisto il giorno della gara. Ecco cosa può capitare e come affrontarlo al meglio!

La gara, il momento di confronto tra noi e la nostra preparazione atletica: abbiamo allenato la nostra specialità e la nostra distanza in modo meticoloso per settimane o addirittura mesi e finalmente ci troviamo lì, nel luogo dove si svolgerà la competizione. Iniziamo a visualizzare il nostro gesto atletico e siamo quasi certi che tutto filerà per il verso giusto, finché, non comprendiamo che, per quanto ci siamo impegnati affinché nulla, ma proprio nulla, possa andare storto, in realtà la sorpresa è sempre dietro l’angolo.

Vi è mai capitato, ad esempio, di trascorrere ore nello spogliatoio impegnati a indossare il costume da gara? Superati i momenti più critici siete finalmente attrezzati in modo adeguato per affrontare la competizione, ma improvvisamente… Vi accorgete che vi siete dimenticati il consueto appuntamento con la toilette! Inevitabilmente proverete un senso di sconforto al pensiero che l’ultima ora del vostro tempo sia stata impiegata invano.

Finalmente è il momento della pre-chiamata. Mentre state pregustando l’adrenalina dei blocchi di partenza il giudice chiama il vostro nome chiedendo prova del vostro tesseramento; iniziate a cercare tra i vostri effetti personali e un brivido di paura vi percorre la schiena al solo pensiero di aver dimenticato quel documento così importante: dov’è quel maledetto cartellino?

Ma gli imprevisti peggiori capitano quando ormai non c’è più tempo per riparare. Non so quante volte abbia assistito a tuffi in cui siano saltati via gli occhialini per colpa di atleti poco accorti che dimenticano di regolarli in modo adeguato e che si ritrovano a indossarli come un’indesiderata collana!

False partenze e acqua negli occhialini in vasca, punture di insetti o ustioni da medusa nelle gare open water, sono solo alcuni degli scenari più temuti dagli atleti, ma spesso preoccuparsi non serve a nulla: in gara non tutto è programmabile e gran parte di ciò che accadrà dipenderà da fattori incontrollabili.

Il miglior antidoto a queste situazioni indesiderate è mantenere la calma, perché solo facendo del nostro meglio e imparando dai nostri errori riusciremo col tempo a costruire la gara perfetta per noi.

Author

Scritto da:

Valeria Molfino

Valeria Molfino is a 30-year-old with lots of stories to tell. She is a keen swimmer and runner but, above all, passionate about writing. She has always been a Blogger and loves to observe and describe people and their relationships, grasping all the most deeply hidden nuances and connections. She has a degree in Media Languages to give her a deeper understanding of communication and a Master’s in Multimedia Communication, so that she can express herself more methodically and concisely. For her swimming is not just a sport, but a means of expressing freedom and lightness.

UNISCITI ALLA NOSTRA COMMUNITY!

Iscriviti per essere sempre aggiornato sulle ultime novità, comunicazioni e offerte.

POTRESTI ESSERE INTERESSATO A

Ti piacerebbe avere un accesso speciale ai contenuti esclusivi arena?

UNISCITI ALLA NOSTRA COMMUNITY!

Iscriviti alla newsletter. Riceverai notizie in anteprima e promozioni esclusive dedicate agli iscritti.

wave