fbpx

Ad ognuno il suo: come abbinare gli stili per tonificarsi in piscina?

Al femminile
Scritto da: Arena at 24 Novembre '17 0
You are reading: Ad ognuno il suo: come abbinare gli stili per tonificarsi in piscina?

Il vostro obiettivo è quello di perdere qualche chilo, alleggerire la forma fisica e tonificare i muscoli?

Come abbiamo scritto più volte, il nuoto è uno sport completo che permette di far lavorare tutto il corpo in maniera armonica e senza troppe sollecitazioni. Un’ottima disciplina anche per dimagrire, basta conoscere i giusti programmi di allenamento e non esagerare,  soprattutto se siete alle prime bracciate e dovete prendere confidenza con il numero di vasche e gli stili. Non vi preoccupate, con impegno e costanza sarete ripagate da una forma fisica che vi renderà orgogliose di voi stesse e degli sforzi fatti. Di seguito vi proponiamo una serie di suggerimenti che vi potrebbero interessare!

Quali sono gli stili e gli esercizi più efficaci per perdere chili?
Il nuoto è uno sport aerobico e simmetrico, due concetti che favoriscono lo smaltimento dei grassi e lo sviluppo armonioso dell’aspetto estetico. Bracciata dopo bracciata si tonificano addominali, braccia, gambe, glutei in modo uniforme, grazie anche alla ridotta forza di gravità nell’elemento acqua che quindi evita pericolose sollecitazioni ai danni delle articolazioni.

Tonificarsi in piscina: da che programma iniziare?
In questo contesto diamo per assodato che già sappiate nuotare a stile libero (crawl), a dorso e abbiate un tempo di resistenza in vasca di almeno 20 minuti. Mentre, se siete alle prime bracciate, vi consigliamo di leggere qui tutto quello che dovreste sapere prima di intraprendere un corso di nuoto per principianti.

Dunque, se l’obiettivo è dimagrire dovreste riuscire ad affrontare all’inizio almeno 2 sedute a settimana da 40 minuti per poi salire a 3-4 sedute, ognuna preceduta da una breve sessione di stretching (meglio anche post allenamento). Questo permetterà di evitare i tanto odiati crampi che sono sempre in agguato, ma che con i consigli che trovate qui potrete facilmente prevenire.

Seduta dopo seduta dovreste intensificare sempre più l’allenamento fino a raddoppiare anche il numero delle vasche: supponiamo di iniziare con 8 vasche mixando vari stili (stile libero, dorso, rana, delfino) dovremmo terminare con le ultime 8 tutte a stile libero. Se l’obiettivo è quello di tonificare le gambe possiamo utilizzare la tavoletta (ottima anche per contrastare la cellulite), per migliorare la tecnica della bracciata sarà utilissimo il pullbuoy. Vi ricordiamo inoltre che, ogni allenamento dovrebbe terminare con un “defaticamento” in stile libero a ritmo più lento e rilassato.

Quali sono i benefici dei vari stili?
Veniamo ai benefici dei vari stili: la rana è utile per le gambe, i dorsali e i pettorali mentre, lo stile libero allena di più le braccia e la respirazione. Lo stile del dorso è consigliato a chi soffre di mal di schiena, tonifica dorsali e addominali. Il delfino, lo stile più faticoso ma anche quello più spettacolare allena soprattutto i muscoli subscapolari, bicipiti e pettorali.

Con un allenamento costante, dalla terza settimana dovreste riuscire ad aumentare il numero di vasche: le prime 7 da fare alternando ognuno dei quattro stili e non riposando più di 30-40 secondi tra una vasca e l’altra, per mantenere alto il ritmo cardiaco. Poi proseguite con altre 7 vasche solo a stile libero seguite da 7 vasche a dorso, 7 a rana e 7 a delfino. Ogni allenamento dovrebbe concludersi dopo aver nuotato 40 vasche mantenendo alto il ritmo delle bracciate, in questo modo il dimagrimento sarà assicurato!

Author

Scritto da:

Arena

UNISCITI ALLA NOSTRA COMMUNITY!

Iscriviti per essere sempre aggiornato sulle ultime novità, comunicazioni e offerte.

POTRESTI ESSERE INTERESSATO A

Ti piacerebbe avere un accesso speciale ai contenuti esclusivi arena?

UNISCITI ALLA NOSTRA COMMUNITY!

Iscriviti alla newsletter. Riceverai notizie in anteprima e promozioni esclusive dedicate agli iscritti.

wave