Variabilità della frequenza cardiaca e Sport

Allenamento e tecnica
Scritto da: Arena at 19 Luglio '16 0
You are reading: Variabilità della frequenza cardiaca e Sport

Sai che la frequenza cardiaca (HR) è in grado di fornire una quantità incredibile di dati sulle prestazioni? Bene, stai con noi per i prossimi 90 secondi!

Benvenuti a Sport Science Lab in 90 secondi,  basato al 100% su evidenze scientifiche e con la presenza dei  migliori esperti nel mondo!

[vc_row][vc_column width=”1/1″][vc_video link=”https://www.youtube.com/watch?v=JR2hd6TkJ8k&feature=youtu.be”][/vc_column][/vc_row]

 

LIVELLO BASE

HR ti dà la somma dei battiti totali in un minuto, sembra semplice ma non lo è. Con una migliore informazione sulla variabilità cardiaca si può pianificare l’allenamento in maniera scientifica.

La variabilità cardiaca HRV rappresenta la variazione tra i battiti cardiaci consecutivi. Il sistema cardiovascolare è controllato dalla regolazione del simpatico e parasimpatico nel sistema nervoso autonomo.

LIVELLO INTERMEDIO

Secondo le evidenze, l’analisi della variabilità cardiaca è in grado di fornire informazioni sull’atleta, dalla qualità della vita alla forma fisica, così fino allo stato della performance.

L’attività simpatica aumenta la contrattilità cardiaca, mentre l’attività del parasimpatico riduce la HR. L’equilibrio nel sistema nervoso autonomo può essere alterato da diverse forme di stress, come il recupero incompleto, una stato di malattia o da fattori psicologici.

LIVELLO AVANZATO

Ogni stimolo di allenamento produce una reazione fisica. Con la variabilità cardiaca, capire la risposta all’allenamento di un atleta è una delle opportunità che possiamo utilizzare.

La misurazione della variabilità cardiaca ppuò essere suddivisa in tre classi: nel dominio del tempo, nel dominio della frequenza e non-lineare. Nel dominio della frequenza, tre principali componenti spettrali si distinguono: Frequenze molto basse (VLF), basse frequenze (LF) ed alte frequenze (HF). Alla HF è legata l’influenza vagale cardiaca e rappresenta l’attività del parasimpatico, mentre LF riflette l’attività baroriflessa, piuttosto che l’attività simpatica. Le prestazioni di un atleta sono strettamente correlate alle fluttuazioni della variabilità cardiaca

FINALE

Utilizzando l’analisi della variabilità cardiaca, è possibile controllare alcune reazioni fisiologiche al fine di prevenire il sovrallenamento, gestire l’overreaching e focalizzare tutti gli sforzi necessari per migliorare le prestazioni. Quindi, avere quanti più dati sull’atleta ed organizzare il giusto programma di allenamento può aiutarti a vincere!

Scopri di più su http://www.sportsciencelab.uk/

—————

Lasciati ispirare dalla nostra collezione!

Author

Scritto da:

Arena

POTRESTI ESSERE INTERESSATO A