Esiste una differenza metodologica nell’allenamento di uomini e donne?

Allenamento e tecnica
Scritto da: arena coaches at 3 Marzo '21 0
You are reading: Esiste una differenza metodologica nell’allenamento di uomini e donne?

Uomini e donne, scopri i perché delle differenze prestative!

Parlare della differenza prestativa tra uomini e donne non è cosa semplice. Potremmo per esempio esaminare la differenza tra i due record mondiali in vasca lunga sui 100m stile, dove la differenza è circa del 10% o esaminare la media delle prime 10 prestazioni mondiali all-time.

Ma perché uomini e donne hanno differenze così nette a livello di prestazione nel nuoto?

La risposta sta in alcuni parametri significativi:

L’antropometria

La prima differenza uomo-donna nel nuoto si riscontra proprio dal punto di vista antropometrico. Le donne partono svantaggiate rispetto agli uomini sia per la statura – mediamente inferiore – sia per la proporzione fra le parti del corpo. Questo fa sì che le donne riescano a sviluppare una forza e quindi una produzione di lavoro inferiori rispetto ai loro colleghi maschi.

Di contro però le donne con la crescita acquisiscono un baricentro più basso che permette loro di sviluppare più senso dell’equilibrio e stabilità, entrambi fondamentali per stabilizzare il corpo in acqua.

Il peso e la composizione corporea

Si sa, le donne mediamente pesano meno degli uomini. A penalizzarle è la composizione corporea diversa: la massa grassa delle donne è circa il 25% rispetto al 15% degli uomini.

Se da un lato la maggiore percentuale di grasso penalizza le loro prestazioni sportive, dall’altro ne favorisce il galleggiamento. In questo modo risparmiano energia e riescono a mantenere le gambe più in superficie, ottenendo una nuotata più idrodinamica.

L’apparato cardiocircolatorio

il volume del cuore femminile è minore di quello maschile (650 cc contro 800 cc) e con una gittata cardiaca massima mediamente inferiore del 25% circa rispetto a quella dell’uomo. Questo comporta una limitazione nella capacità di trasporto di ossigeno da parte del sangue per le donne che, quindi, sono penalizzate soprattutto nelle discipline aerobiche.

Il massimo consumo d’ossigeno (VO2max)

Nelle donne adulte il valore di VO2max è in media inferiore rispetto agli uomini. Uno dei motivi potrebbe essere la diversa composizione corporea (in particolare la maggior massa grassa delle donne), oltre che la diversa concentrazione di emoglobina (10-14% in più negli uomini causa valori più elevati di testosterone).

Uomini e donne, scopri i perché delle differenze prestative!

Alla luce di quanto detto la domanda è d’obbligo: esiste una differenza metodologica nell’allenamento di uomini e donne?

Non c’è una risposta preconfezionata; certamente i percorsi da seguire per migliorare le performance sono diversi.

Ai livelli più alti, il carico di lavoro di un uomo e di una donna potrà essere simile, ma non riuscirà mai ad essere uguale. Le diverse caratteristiche fisiologiche non lo consentono e, anzi, suggeriscono che per le donne siano più efficaci allenamenti qualitativi piuttosto che quelli aerobici.

Qui di seguito vogliamo proporti 3 work-out di difficoltà crescente, più improntati alla qualità.

Le donne forse avranno meno difficoltà a portarlo a termine, proprio per la loro tendenza a sopportare meglio questo tipo di lavori. Prova a inserirli almeno 2 volte a settimana nella tua programmazione e verificane i benefici.

I work-out qui di seguito vanno eseguito sempre dopo un adeguato riscaldamento e con una fase successiva di swim-down che abbassi i livelli di acido lattico.

  • Work-out 1 – difficoltà bassa

6x50m stile libero pausa 2’30. Andatura elevata ma costante. Una volta che riuscirai a essere costante per tutte le ripetute, prova ad abbassare la pausa di 15”.

  • Work-out 2 – difficoltà media

4x50m stile libero pausa 2’ + 2x100m stile libero pausa 3’30. Anche per questo lavoro l’andatura dev’essere elevata ma costante. Se riesci nell’obiettivo allora prova il set successivo

  • Work-out 3 – difficoltà elevata

6x50m stile libero pausa 2’ + 3x100m stile libero pausa 3’30. Andatura elevata e costante.

Bene, noi ti abbiamo dato degli spunti, ora non resta che provare, che dici?

Nei prossimi articoli parleremo proprio della qualità nel nuoto e di come sviluppare questo aspetto molto importante a livello prestativo.

Continua a seguirci!


MENTRE ASPETTIAMO DI TORNARE IN ACQUA…

Altri articoli che potrebbero interessarti…

E tu, perché nuoti?

Delfino: come migliorare la tecnica di nuoto restando casa

Iscriviti ad arena SWIM!

Scopri di più su www.arenaswim.com

Cerchi il costume perfetto per i tuoi allenamenti?

Dai un’occhiata ai nostri costumi donna

Dai un’occhiata ai nostri costumi uomo

Author

Scritto da:

arena coaches

Swim coaches, trainers and experts will give you all kinds of tips for performing at your best in both training and races. Meet the coaches

POTRESTI ESSERE INTERESSATO A