fbpx

Partenza e virate, istruzioni per l’uso

Allenamento e tecnica
Scritto da: arena coaches at 17 Febbraio '17 0
You are reading: Partenza e virate, istruzioni per l’uso

Partenza e virate sono fondamentali per un nuotatore, di qualsiasi livello esso sia. Per questo motivo abbiamo pensato di darti qualche suggerimento su come migliorare sia la partenza che le virate a stile libero.

Nel nuoto esistono due tipi di tuffi di partenza, la “grab start” e la “track start”. Nella grab, i piedi sono entrambi sul bordo del blocco; nella track, invece, un piede si trova davanti sul blocco e l’altro è dietro, appoggiato su una piccola pedana/aletta, pronto a spingere.

Oggi parleremo della “track start” che permette una reazione allo “start” molto più veloce.

Gli obiettivi da raggiungere in un buon tuffo sono:

  • Spinta efficace dal blocco.
  • Ingresso ottimale in acqua.
  • Penetrazione dell’acqua con la massima velocità.

Per riuscire a raggiungerli bisogna avere un ottimo set-up sul blocco, seguendo 4 regole fondamentali:

1. Bacino alto.

2. Sguardo basso.

3. Braccia tese, perpendicolari al blocco.

4. Piede posteriore posizionato sulla pedana e dietro la linea dei fianchi.

 

Non tutte le piscine però sono dotate di blocchi di ultima generazione (e quindi provviste di pedana posteriore), quindi è bene saper adattare la propria postura a qualsiasi tipo di blocco. Per questo motivo, nel caso fossero presenti blocchi “tradizionali”, controlla:

  • I gomiti. Non potendoli tenere tesi e perpendicolari al blocco, piegali e falli puntare all’indietro, non verso l’esterno.
  • Le punte dei piedi devono essere puntate in avanti.
  • I piedi. Posizionali appena dentro la larghezza dell’anca e non allineati direttamente l’uno con l’altro.
  • Il torso. Puoi appoggiarlo alla coscia.

A questo punto, sei quasi pronto. Perché il tuo tuffo sia perfetto, controlla che, subito dopo la spinta:

  • I gomiti risalgano seguiti dalle mani; queste allo “START” non dovrebbero andare davanti al viso.
  • Il mento e il petto siano spinti in avanti. Non spingere in verticale, alza le spalle e tieni la schiena orizzontale.
  • Il busto sia basso e la schiena piatta; ottimizzerai la spinta della gamba posteriore.

Per imparare la posizione corretta, prova questa progressione di esercizi. Posizionati sul blocco e…:

1. In posizione di “grab start” piega le gambe, tieni il busto e la schiena piatte. Braccia tese e parallele all’acqua, sguardo basso e bacino non troppo alto. Spingiti dal blocco e concentrati sull’ingresso in acqua.

2. Stessa posizione di prima, questa volta arretra un piede sulla pedana posteriore e alza il bacino. Spingiti e rimani concentrato sulla posizione di quest’ultimo e sulla posizione della testa in ingresso.

3. Partendo da quest’ultima posizione, ora arretra le braccia, piegando i gomiti. Cerca di mantenere la schiena piatta. Spingiti e cerca di non alzarti troppo nel movimento di avanzamento verso l’acqua.

A questo punto, trovata la posizione ottimale di partenza, prova a migliorare le virate.

ARENA_turn_blog

Ti daremo 5 elementi su cui concentrarti:

1. La testa deve seguire la mano. La testa deve iniziare a muoversi all’interno della curva della virata mentre stai eseguendo l’ultima spinta con la bracciata.

2. Alza il bacino. Immergi la fronte, spingi le spalle verso il basso e spingi, piegando con forza, il bacino verso l’alto.

3. Abbassa la testa sotto l’acqua. Alla fine dell’ultima bracciata, ruota immediatamente i palmi verso il basso, abbassa la testa e spingila sott’acqua per agevolare la rotazione del corpo.

4. Tieni le ginocchia in superficie. L’errore più grande è tenere i talloni in superficie e richiamare le ginocchia troppo velocemente, creando così una resistenza enorme.

5. Spingi dal muretto. La tecnica di spinta è la stessa del salto fuori dall’acqua. Piedi ad altezza delle anche, parte superiore del corpo bloccata e spinta delle gambe che deve arrivare fino alle spalle.

Non ti preoccupare se inizialmente fai errori anche comuni; è normale. Nel tuffo, così come nella virata, la spinta risulterà debole, il controllo della parte superiore del corpo non ottimale e l’efficienza della spinta delle braccia non sufficiente.

Il miglioramento passa anche dal commettere errori, quindi: non demordere!

Author

Scritto da:

arena coaches

Swim coaches, trainers and experts will give you all kinds of tips for performing at your best in both training and races. Meet the coaches

UNISCITI ALLA NOSTRA COMMUNITY!

Iscriviti per essere sempre aggiornato sulle ultime novità, comunicazioni e offerte.

POTRESTI ESSERE INTERESSATO A

Ti piacerebbe avere un accesso speciale ai contenuti esclusivi arena?

UNISCITI ALLA NOSTRA COMMUNITY!

Iscriviti alla newsletter. Riceverai notizie in anteprima e promozioni esclusive dedicate agli iscritti.

wave